mercoledì 20 gennaio 2016

Honky Tonk Samurai - Joe R. Lansdale


"A voler essere onesti fino in fondo, siamo tutti un po' capre. Ci piace trovare un pascolo tutto nostro dove brucare, ma ogni tanto ficchiamo la testa tra una sbarra e l'altra del recinto, per assaggiare un filo d'erba sull'altro lato."

In giro per il web ho letto commenti su questo nuovissimo romanzo del caro Lansdale, commenti che dicevano sostanzialmente la stessa cosa: la serie su Hap & Leonard sta diventando monotona.
E' vero? Finito di leggere il romanzo posso dire che si, purtroppo è vero.
Hap & Leonard sono, inevitabilmente, schiavi dei loro cliché e sia chiaro che questo può piacere benissimo, se sono proprio quei cliché ciò che si va a cercare.
Malgrado questo non si può dire di no, questi fantastici personaggi hanno dato quello che dovevano dare.
Le azioni che compiono sono proprio quelle che ti aspetti da loro e le tematiche insite nelle loro storie sono, per quanto importanti, pressoché le stesse: critica al razzismo, alla chiusura mentale della gente texana, problemi sociali, etc...

Però...... però..... si, c'è un "però" grosso come una casa.

Però, Lansdale, storie brutte poprio non riesce a scriverle.
E' vero, quando giravo le pagine di questo romanzo sapevo benissimo cosa avrei trovato, ma non riuscivo comunque a smettere di girarle.
Per quanto possa essere scontato, un romanzo di Lansdale ti diverte sempre, ti tiene col fiato sospeso sempre.
E' una droga, non riesci a smettere.
Non importa cosa scrive, il modo in cui lo scrive ti terrà gli occhi incollati alle pagine.
Ed anche questo romanzo non fa eccezione.
E poi,insomma, le dinamiche saranno scontate ma...

SPOILER SPOILER SPOILER 

nel finale abbiamo un colpo di scena veramente inaspettato.

FINE SPOILER

Quindi, romanzo consigliato (come sempre, quando si parla di questo autore)

By Ivan
From Hell

Nessun commento:

Posta un commento