sabato 26 ottobre 2013

La mostra delle atrocità - J.G. Ballard



"Apocalisse. La mostra di quest'anno, alla quale i pazienti non erano stati invitati, aveva un segno inquietante: tutti i quadri insistevano sul tema della catastrofe planetaria"

A causa della sua natura estremamente sperimentale questo libro non è certo di facile lettura, ma non solo.
A causa della sua natura estremamente sperimentale questo libro non è assolutamente facile da analizzare, non è facile da spiegare, non è facile far capire ad un altra persona perché dovrebbe leggerlo.
Cos'è la mostra delle atrocità? E' una mostra in cui sono esposte opere, create dagli internati di una clinica mentale, a cui gli stessi autori non sono ammessi.
Questo, ma non solo.
La mostra delle atrocità è un romanzo che può essere considerato anche una raccolta di racconti, ma anche un saggio.
La mostra delle atrocità sono le sei personalità della solita persona, colui che nel libro viene chiamato Travis, Talbot, Traven, Tallis, Talbert e Travers, ma in realtà si tratta sempre della solita persona.
Una persona che vive nell'angoscia della morte della moglie e che cerca di ricreare le morti di Marylin Monroe e di Kennedy, in modo che questa volta abbiano un "senso".
La mostra delle atrocità è un libro in cui la morte di Kennedy viene considerata prima come un incidente automobilistico, poi come una corsa in cui l'ex presidente risulta perdente.
La mostra delle atrocità è un romanzo in cui  l'elezione di Reagan (tra l'altro profetizzata, in quanto  pubblicato quindici anni prima) è vista come un atto sessuale, un grande orgasmo di massa.
La mostra delle atrocità è il modo in cui il nostro cervello reagisce agli stimoli che ci vengono mandati dai media.
La mostra delle atrocità va letto perché facendolo avrete un trip, senza aver avuto bisogno di assumere sostanze psicotrope.

By Ivan
From Hell

Nessun commento:

Posta un commento