sabato 16 giugno 2012

Acqua Buia - Joe R. Lansdale


 "La cosa che m'infastidiva era che mamma credeva di meritarsele, le botte. Era convinta che fosse l'uomo a comandare e che a lui spettasse sempre l'ultima parola. Stava scritto nella Bibbia, secondo lei. Non era servito altro, per farmi smettere subito di leggerla"



All'evento "Anteprime" di Pietrasanta (LU), Joe Lansdale presentava la sua ultima fatica: "Acqua Buia", titolo originale "Edge of Dark Water"
Avevo la possibilità di incontrare lui e comprare il suo nuovo libro una settimana prima dell'uscita italiana; entrambe le cose fatte, come testimonia il post precedente.
Ecco una foto :





Con quest'opera la critica americana ha elogiato lo scrittore texano, facendo addirittura illustri paragoni con Mark Twain.
La critica americana ha ragione oppure ha sparato troppo in alto?
Andiamo con ordine.
Dal mio punto di vista questo libro è un sunto di tutte le tematiche care a Lansdale: il razzismo, la violenza sulle donne, il fanatismo che rende ciechi ed ignoranti, insomma qua c'è tutto.
Lansdale riesce a parlare di queste cose come meglio sa, ovvero in modo profondo e crudo, ma abbinando il tutto all'ironia, cosa che rende il suo romanzo assolutamente non pesante.
Volendo, leggendo Lansdale, il lettore non interessato potrebbe decidere anche di ignorare i suoi contenuti e prendere il tutto solamente come una bella storia, il lettore più sensibile invece assimila  le denunce che il buon vecchio Joe fa sotto la maschera della letteratura di svago.
Un altro punto forte di questo romanzo sono le descrizioni, sembra quasi che questo libro sia stato veramente scritto durante gli anni 30 in cui è ambientato, mentre si è immersi nella lettura si riesce a respirare l'aria della provincia texana di quegli anni.
Questa caratteristica la riscontriamo anche nei personaggi: i cattivi non sono affascinanti geni del crimine, ma rozzi e sporchi campagnoli ed anche i buoni non sono candidi esempi di buon senso.
E poi c'è Skunk, Skunk è un personaggio geniale... ci si potrebbe fare tranquillamente una serie a parte.
E' un personaggio in grado di rivaleggiare con più famosi "Babau" della letteratura.
A mio parere questo libro ha un unico difetto, a volte il brodo è un po' troppo annacquato.
Poteva avere qualche pagina in meno ed essere ugualmente efficace.
In definitiva: questo romanzo non sarà ai livelli de "Le avventure di Huckleberry Finn", ma di certo è una sua versione più oscura.

By Ivan
From Hell

Nessun commento:

Posta un commento